Discussioni aperte

Identità storica e prospettive del design universitario


data di apertura — 1 luglio 2015

L’insegnamento del design nelle Università si è consolidato attraverso i rapporti tra didattica e ricerca, oltre che nella sua dimensione accademica. Sullo sfondo della recente riforma del sistema universitario, nei suoi nuovi caratteri riorganizzativi tecnico-politici, si presenta l’opportunità di fare un bilancio per interpretare criticamente gli ultimi 20 anni con l’obiettivo di storicizzare teorie, metodi e risultati della formazione nazionale. L’obiettivo non è quello di raccogliere dati o formulare tabelle per avviare confronti quantitativi tra le diverse sedi sul concetto di prodotto formativo, quanto invece tentare una sorta di storicizzazione della formazione per valutarne gli effetti sulla definizione disciplinare e culturale del design in Italia, sulla consistenza dell’area, sull’apparato della docenza, sugli indirizzi della ricerca, sull’insieme degli allievi, anche per considerarne le ricadute nel mondo del lavoro e le connessioni professionali. Quale può essere il ruolo dell’università in un’epoca, come quella che stiamo vivendo, in cui il design è descritto come una professione di massa aperta, praticata e soggiogata dalle più svariate competenze?


Scrivi un commento




(* campi obbligatori)
 caratteri massimi